facebook
instagram
linkedin
youtube
whatsapp

Stocola Michele - Partita IVA 03143740599

Giurista e Consulente della sicurezza alimentare

04016 Sabaudia (LT-Italia) Via Carlo Alberto 138

 


facebook
instagram
linkedin
youtube
whatsapp
labelschoolblupay-off

 

Ti interessa un Corso sulla legislazione alimentare e l'etichettatura degli alimenti? Contattaci.

 

BLOG

La filiera dell'etichetta: sottovalutata!!!

11-11-2023 14:47

Michele Stocola

La filiera dell'etichetta: sottovalutata!!!

La filiera dell'etichetta è costituita da una serie di attività fondamentali per la comunicazione ai consumatori. Come si può immaginare ha un'importa

La filiera dell'etichetta è costituita da una serie di attività fondamentali per la comunicazione ai consumatori. 

Come si può immaginare ha un'importanza fondamentale che riguarda la vendita del prodotto: in primo luogo trasmettendo le informazioni al consumatore sulle caratteristiche del prodotto; in secondo luogo costituisce un elemento fondamentale per la vendita del prodotto, su cui ha investito il produttore e coloro che lo commercializzano.

Nel nostro paese, la filiera dell'etichetta è mediamente sottovalutata

Composta da molti operatori, ognuno con una precisa attività, questo ci fa comprendere che si tratta di un settore interdisciplinare.

Tra le attività più importanti ricordo: il settore grafico (con studi grafici specializzati in packaging e in etichette); le tipografie e gli etichettifici; produttori e venditori di stampanti per etichette e forniture; produttori e venditori di sistemi di applicazione delle etichette e di marcatori; produttori di materie prime (carta autoadesiva e non per etichette, inchiostri per i vari processi di stampa, produttori di cliché, ecc.), esperti in strategie di marketing, ed altri operatori che evito di elencare per brevità.

Per questo i problemi non mancano, i vari operatori che intervengono spesso non si parlano tra loro o comunque non hanno lo stesso linguaggio: es. il settore grafico a volte non comunica con coloro che stamperanno oppure il giurista non comunica adeguatamente con lo studio grafico, ecc.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti, molto spesso mediocre.

Oltre ad una scarsa efficacia sotto l'aspetto del marketing (etichette quindi poco attraenti, poco accattivanti e che non sono all'altezza del prodotto stesso), da giurista devo confermare che molte etichette non sono conformi alle normative e questo soprattutto in determinati settori merceologici.

Certo, non possiamo chiedere ad ogni operatore di avere competenze oltre a quelle necessarie per la loro attività, ma chiedere una maggiore attenzione, comunicazione e cultura del settore aiuterebbe certamente a migliorare l'intera filiera, con riscontri positivi per il consumatore e per gli stessi produttori e venditori.

A questo punto la formazione potrebbe fare la sua parte. 

Chiaro, è un mio punto di vista, non solo come giurista ma come professionista che ha operato tutta la vita nel campo della produzione di etichette e di vendita di stampanti, marcatori e applicatori per etichette e tecnologie legate al settore.

Non è un caso che nei miei programmi di formazione non sono previsti solo gli aspetti legislativi, ma vado oltre, devo andare oltre, per cui sono previsti anche parti che riguardano gli aspetti grafici, tecniche di produzione, accessibilità alle informazioni e strategie di vendita tramite l'etichetta.

 

 

caratteriecompositore